Incentivi del MISE per la trasformazione tecnologica e digitale delle MPMI e delle Reti di Imprese

Assinrete > News > Notizie > Incentivi del MISE per la trasformazione tecnologica e digitale delle MPMI e delle Reti di Imprese

Incentivi del MISE per la trasformazione tecnologica e digitale delle MPMI e delle Reti di Imprese

  • Posted by: Admin

di Oliviero Casale – Componente del Consiglio Direttivo e Vicepresidente del CTS di ASSINRETE.

“Le Reti di Imprese sempre più importanti per la trasformazione tecnologica e digitale del paese”.

Nel decreto del MISE del 9 giugno 2020, pubblicato sulla G.U. il 1 luglio 2020, riguardante agevolazioni volte a favorire e velocizzare la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi e organizzativi delle micro, piccole e medie imprese attraverso l’implementazione delle tecnologie abilitanti individuate nel Piano nazionale Impresa 4.0 e delle tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera per le Micro, Piccole e Medie imprese italiane, il contratto di rete è uno degli strumenti indicati per permettere di operare  congiuntamente tra loro.

Il decreto disciplina le condizioni e le modalità per la concessione ed erogazione delle agevolazioni a sostegno di progetti di innovazione di processo o di innovazione dell’organizzazione ovvero di progetti di investimento coerenti con la suddetta finalità a favore delle micro, piccole e medie imprese e delle reti di imprese purché formate in numero comunque non superiore a dieci imprese.

Nel contratto deve altresì emergere una chiara suddivisione delle competenze e devono essere definiti gli aspetti relativi alla proprietà, all’utilizzo e alla diffusione dei risultati del progetto, individuando altresì il soggetto preposto a svolgere il ruolo di soggetto capofila. Devono, inoltre, prevedere quale soggetto promotore capofila un DIHdigital innovation hub o un EDI-ecosistema digitale per l’innovazione di cui al Piano nazionale impresa 4.0.

I progetti devono prevedere la realizzazione di attività di innovazione di processo o di innovazione dell’organizzazione diretti alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi dei soggetti proponenti mediante l’implementazione delle tecnologie abilitanti grazie a investimenti che prevedano spese effettuate relative a:

  1. immobilizzazioni materiali, quali macchinari, impianti e attrezzature tecnologicamente avanzate ovvero tecnico-scientifiche, purché coerenti con le finalità di trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi dell’impresa;
  2. immobilizzazioni immateriali necessarie alle finalità del progetto agevolato;
  3. costi per servizi di consulenza specialistica strettamente funzionali alla realizzazione del progetto, nella misura massima del 10 per cento dei costi complessivi ammissibili;
  4. costi sostenuti a titolo di canone per l’utilizzo, mediante soluzioni cloud computing, dei programmi informatici ovvero per la fruizione di servizi di connettività a banda larga o ultra larga;
  5. costi per i servizi resi alle PMI beneficiarie dal soggetto promotore capofila per la gestione delle iniziative di aggregazioni, nella misura massima del 2 per cento dei costi complessivi ammissibili.

I progetti ammissibili previsti dal decreto del 9 giugno 2020, pubblicato in gazzetta ufficiale il 1 luglio 2020, che possono accedere alle agevolazioni devono essere diretti alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi dei soggetti proponenti mediante l’implementazione di:

  1. tecnologie abilitanti individuate dal Piano nazionale impresa 4.0. (advanced manufacturing solutions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, integrazione orizzontale e verticale, industrial internet, cloud, cybersecurity, big data e analytics) e/o;
  2. tecnologie relative a soluzioni tecnologiche digitali di filiera, finalizzate:
    • all’ottimizzazione della gestione della catena di distribuzione e della gestione delle relazioni con i diversi attori;
    • al software;
    • alle piattaforme e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica con elevate caratteristiche di integrazione delle attività di servizio;
    • ad altre tecnologie, quali sistemi di e-commerce, sistemi di pagamento mobile e via internet, fintech, sistemi elettronici per lo scambio di dati (electronic data interchange-EDI), geolocalizzazione, tecnologie per l’instore customer experience, system integration applicata all’automazione dei processi, blockchain, intelligenza artificiale, internet of things.

Le Reti di Imprese avranno un ruolo sempre più importante, come sempre sostenuto da ASSINRETE, per il rilancio del paese e per il trasferimento delle tecnologie abilitanti in modo sistemico nelle organizzazioni per favorire la trasformazione tecnologica e digitale delle imprese italiane.

Trasformazione, che dovrà prevedere sia l’utilizzo di nuove tecnologie nei processi produttivi ma anche nuovi processi organizzativi che permettano di sfruttare tutte le opportunità di business generando del valore duraturo e sostenibile per le micro, piccole e medie imprese italiane e per le Reti di Imprese.

Saper adottare e trasferire le molteplici tecnologie disponibili permetterà alle MPMI e alle Reti di Imprese non soltanto di rendere più efficienti le attività operative e incrementare la produttività, ma anche innovare e sostenere nuovi modelli organizzativi e di business. Per affrontare con successo i nuovi paradigmi dell’innovazione, MPMI e Reti di Imprese devono necessariamente mutare la propria mentalità da una visione limitata alle singole tecnologie integrandole efficacemente nei processi produttivi dell’organizzazione in modo sistemico.

Per far ciò, saranno fondamentali le competenze dei Manager di Rete e dei Professionisti delle Reti di Imprese associati a ASSINRETE.

ASSINRETE è l’unica Associazione dei Professionisti delle Reti di Imprese iscritta nell’elenco del MISE delle Associazioni legge 4/2013 che possono rilasciare l’attestato di qualità e di qualificazione professionale dei servizi prestati dai soci.

Fonte: https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/07/01/20A03408/sg

Bologna 4 luglio 2020

Oliviero Casale
Vicepresidente CTS ASSINRETE
oliviero.casale@assinrete.net
+39 371 3849244

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.